Convenzioni

dirittiL’articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo prevede il diritto alla libertà di espressione e di informazione, sottoposto a talune restrizioni che sono “in conformità con la legge” e “necessarie in una società democratica”. Tale diritto include la libertà di opinione e di ricevere e diffondere informazioni e idee. 

L’articolo recita che ogni individuo ha diritto alla libertà di espressione, un diritto che include la libertà di opinione e che permette a tutti di ricevere o di dare informazioni o idee senza alcuna ingerenza da parte delle autorità pubbliche e senza alcun limite di frontiera.

L’esercizio di queste libertà, poiché comporta doveri e responsabilità, può essere sottoposto a formalità, condizioni, restrizioni o sanzioni che sono previste dalla legge e che costituiscono misure necessarie in una società democratica, nell’interesse della sicurezza nazionale, territoriale e in termini di sicurezza pubblica (in termini di prevenzione dei reati, protezione della salute o della morale, della reputazione o dei diritti altrui).

Cosa rende la libertà di parola così importante da meritare una convenzione apposita? Non c’è dubbio che essa sia una cosa molto importante nel processo decisionale in tutti i livelli, un fattore significativo nella deliberazione di una serie rappresentativa di opinioni. In sostanza il diritto alla libertà di parola è il fattore più importante per la libertà individuale. Non vi è alcun diritto più importante del diritto di pensare quello che pare e piace e poi di poterne parlarne.

E’ una cosa importante non solo per l’individuo, ma anche per la comunità in sé. E’ infatti il modo migliore per avere nuove idee importanti al miglioramento delle nazioni e delle loro economie. Così, per legge, nessuno può negare l’importanza del diritto alla libertà di parola.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *